Tiramisù con uova cotte

Il tiramisù è il dolce italiano più conosciuto al mondo e probabilmente anche il più eseguito dagli italiani nelle proprie case, qui sotto vi lascio la ricetta del tiramisù con uova cotte per gustarlo e proporlo ai vostri cari in tutta sicurezza!

OCCORRENTE: fruste elettriche + pirofila o coppette

TEMPI: 40 minuti

DIFFICOLTA’: media

Ingredienti:

  • 170 g tuorli
  • 340 g zucchero
  • 100 g di acqua
  • 1 bacca di vaniglia
  • 500 g di mascarpone
  • 500 g panna fresca
  • 1 confezione di savoiardi (io ne ho usati circa 40)
  • 10 tazzine di caffè
  • cacao amaro per spolverizzare

Istruzioni:

  • preparate il caffè, versatelo in una terrina e riponete in frigo a raffreddare;
  • dividete i tuorli dagli albumi e mettete i primi nella ciotola della planetaria;
  • prelevate i semi dal baccello di vaniglia, inseriteli nella ciotola con i tuorli e iniziate a montare;
  • nel frattempo in un pentolino unite zucchero e acqua e portate a ebollizione fino a 121° C*;
  • versate lo sciroppo a filo sul bordo della ciotola con i tuorli e montate a velocità massima per 10 minuti fino a quando la ciotola si sarà raffreddata e i tuorli saranno chiari e spumosi (se la ciotola non dovesse essere completamente fredda ponetela per pochi minuti in frigo);
  • ponete in frigo fino al momento dell’utilizzo;
  • in una ciotola a parte montate la panna e rimettete un attimo in frigo;
  • unite il mascarpone alle uova con una frusta a mano e quando sarà ben amalgamato unite la panna sempre delicatamente con movimenti dal basso verso l’alto mescolando con una spatola;
  • ponete in frigo senza pellicole altrimenti la crema rischia di smontarsi;
  • prendete una pirofila di grandi dimensioni, mettete uno strato di crema;
  • inzuppate i savoiardi nel caffè freddo da entrambi i lati per un secondo e create un primo strato alternando con altri due strati di crema e un altro di savoiardi;
  • livellate la superficie, spolverizzate di cacao amaro, ponete in frigo per qualche ora e prima di servire spolverizzate ancora con un po’ di cacao amaro.

I consigli di Olly’Snack:

*se siete sprovvisti di un termometro da cucina vi basterà aspettare 3 minuti dal momento dell’ebollizione; *utilizzate tutti gli ingredienti ben freddi, anche nel momento di montare la panna, riponete in frigo la ciotola in cui la monterete; *se non avete la planetaria utilizzate le fruste elettriche lavandole accuratamente prima di montare la panna; *quando versate il mascarpone tralasciate la parte liquida che si trova sul fondo della confezione.

CHIFFON CAKE AL CIOCCOLATO

La chiffon cake è un dolce americano e questa versione, la chiffon cake al cioccolato, è la migliore che abbia mai fatto. Incredibilmente soffice, leggera, appagante, se i vostri commensali sono così bravi da accontentarsi di una fetta riuscirete a creare un orgasmo al palato a ben 12 persone 😀

E’ un dolce piuttosto semplice da fare, se rispettate i passaggi indicati in questa ricetta, scritta in maniera dettagliata (come le altre ricette di Olly’Snack), otterrete un dolce strepitoso in un’ora e mezza.

Per farlo ho utilizzato il cremor tartaro Decorì dell’azienda LoConte con cui collaboro, un lievito naturale estratto dalle uve che regala corposità agli albumi e quindi sofficità al dolce, adatto per gli intolleranti ai lieviti, al glutine e ai vegani.

TEMPI: 20 minuti + 50 per la cottura

DIFFICOLTA’: media

OCCORRENTE: fruste elettriche + stampo da chiffon cake o ciambellone

Ingredienti:

185 ml acqua bollente

50 g cacao amaro

1 cucchiaino raso di cremor tartaro Decorì LoConte

90 g di cioccolato fondente

300 g di zucchero + 50 g di zucchero

2 cucchiaini di lievito per dolci

1/2 cucchiaino di bicarbonato

1/2 cucchiaino di sale

110 g di olio di semi (io uso l’olio di semi di mais o di girasole)

7 tuorli

8 albumi

180 g di farina 00

Procedimento:

  • in una terrina capiente versate l’acqua bollente sul cacao, mescolate con una frusta manuale e lasciate intiepidire;
  • tagliate il cioccolato in piccoli pezzi e mettete da parte;
  • preriscaldate il forno a 160°;
  • nella terrina precedente, aggiungete i 300 g di zucchero, il lievito, bicarbonato, sale, olio e tuorli leggermente sbattuti con una forchetta, mescolate fino ad amalgamare il tutto e setacciate la farina nel composto, mescolate ancora;
  • in un’altra ciotola (o nella planetaria se l’avete) montate con le fruste elettriche gli albumi con il cremor tartaro Decorì LoConte, quando saranno montati a neve ma non completamente, unite i 50 g di zucchero e continuate a montare ancora per qualche minuto finché saranno belli gonfi;
  • trasferite una parte degli albumi nella prima terrina e mescolate delicatamente con una spatola di gomma (se non la avete usate un cucchiaio di legno) dal basso verso l’alto senza smontarli, poi aggiungete gli altri mescolando sempre dolcemente e solo fino all’occorrenza;
  • versate l’impasto nello stampo NON imburrato ne infarinato e cuocete nel forno a 160° per 50/55minuti circa;
  • estraete la vostra chiffon cake al cioccolato e capovolgetela, lasciatela così dalle 4 alle 6 ore;
  • passate una lama nella circonferenza dello stampo per estrarre il dolce e posizionatelo su un piatto da portata con la parte più liscia rivolta verso l’alto, infine spolverizzate di zucchero a velo.

I consigli di Olly’Snack:

  • usate le uova a temperatura ambiente, non fredde da frigo altrimenti comprometterà la lievitazione;
  • prima di estrarre il dolce effettuate la prova stecchino con uno stuzzicadenti per verificare la cottura, lo sarà se uscirà completamente cotto;
  • nel caso non abbiate lo stampo da chiffon cake potete utilizzare quello per ciambella NON imburrato e reggendolo con dei supporti al momento in cui dovrete capovolgere il dolce appena sfornato in modo che la base non schiacci il dolce;
  • il dolce si svilupperà capovolto una volta cotto, se doveste imburrare per sbaglio lo stampo, questo non potrebbe accadere.

COOKIES CON QUADROTTI DI CIOCCOLATO FONDENTE

Per realizzare questi cookies con quadrotti di cioccolato fondente ho utilizzato la Farina tipo Due Bio delle Farine Magiche così da ottenere dei biscotti semplici, ma molto gustosi!

In poco tempo e con pochi ingredienti delizierete il palato di chi avrà la fortuna di assaggiarli!

La Farina tipo Due Bio delle Farine Magiche che ho utilizzato per creare questi cookies è poco raffinata e 100 % di origine italiana, macinata a pietra, è ricca di germe di grano e quindi ideale per questi cookies dal sapore rustico e deciso.

Grazie alla Farina tipo Due Bio delle Farine Magiche posso realizzare dei cookies più sani per la mia bambina perché, essendo meno raffinata e con germe di grano macinato a pietra, garantisce più fibre, fosforo, ferro, vitamine B1 e B2, ma anche friabilità e un aroma più deciso.

per 16 cookies

DIFFICOLTA’: molto facile

OCCORRENTE: cucchiaio per gelato

TEMPO: 10 minuti per la preparazione + 10 per la cottura

Ingredienti

250 g di Farina tipo Due Bio Farine Magiche Lo Conte

120 g di burro ammorbidito

120 g di zucchero

2 uova

1 bustina di lievito

125 g di quadrotti di cioccolato fondente

Preparazione

In una ciotola amalgamate il burro ammorbidito e tagliato a tochetti con lo zucchero e le uova.

Una volta ottenuto un composto omogeneo, aggiungete la farina, il lievito e i quadrotti di cioccolato fondente.

Create delle palline e adagiatele su una teglia foderata con carta forno. Cuocete in forno preriscaldato a 180°C per 10 minuti.

I consigli di Olly’Snack:

per creare le palline servitevi di un cucchiaio per gelato così vi sarà più semplice dosare l’impasto e ottenere dei cookies simili. Create una pallina riempiendo completamente il cucchiaio per gelato. Per cuocerli, se lo avete, utilizzate un tappetino di silicone forato per cottura altrimenti vi basterà un foglio di carta forno. Una volta sfornati, lasciateli raffreddare completamente prima di servirli.

Crostata con frolla all’olio e Nutella

Questa crostata con frolla all’olio è il dolce che ho realizzato in collaborazione con l’azienda Lo Conte utilizzando la farina Le Farine Magiche per Pasta Frolla senza burro. La frolla di questa crostata, grazie alla farina Le Farine Magiche per Pasta Frolla senza burro è incredibilmente buona, pronta in un paio di minuti ed è facile da stendere, provare per credere, non appiccica per niente! Grazie ad un piccolo trucco non scurirete i bordi ottenendo una crostata chiara, morbida e fragrante!

Ingredienti:

  • 100 g di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 2 uova
  • 80 g di olio di semi *
  • la buccia grattugiata di un limone
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 300 g di farina per Pasta Frolla senza burro Le Farine Magiche
  • tra i 4 e i 6 cucchiai colmi di crema al caco e nocciole o Nutella

Procedimento:

  • In una terrina inserite lo zucchero, il sale, le uova, l’olio, la buccia del limone, un po’ della farina e mescolate, aggiungete il lievito e il resto della farina e mescolate ancora, otterrete un panetto liscio che non appiccica alle dita;
  • stendete la frolla con un po’ di farina sopra e sotto il panetto e foderate uno stampo imburrato e infarinato di 22 cm;
  • farcite con la crema spalmabile al cacao e nocciole o Nutella;
  • stendete la pasta rimanente e ricavate circa sei strisce della stessa larghezza che andrete a sovrapporre sulla crema;
  • piccolo trucco à cuocete la vostra crostata in forno preriscaldato a 170° ricoperta da un foglio di alluminio per 20-25 minuti e senza alluminio per 10 minuti circa.

*I consigli di Olly’Snack:

  • io ho usato olio di semi di mais, ma potete usarne anche di altro tipo purché di semi;
  • non è necessario, ma per stendere la frolla potete aiutarvi anche con due fogli di carta forno cospargendo leggermente di farina sopra e sotto il panetto;
  • per la farcitura ho utilizzato una crema senza latte alle nocciole e cacao, ma se non avete intolleranze al lattosio va benissimo la Nutella.

AFRIKANA ricetta di Ernst Knam

Ernst Knam

La torta Afrikana del Maestro Ernst Knam mi ha davvero sorpresa al primo assaggio. La sua consistenza simile a una nuvola, infatti, grazie alla base di marquise senza farina e alla crema di panna e cioccolato, rende il dolce leggero oltre che incredibilmente buono.

Dosi per 8 persone

NECCESSARIO: anello apribile o stampo a cerniera + nastro di acetato (se non lo avete usate della carta forno) + termometro da cucina + fruste elettriche

DIFFICOLTA’: media

TEMPI: 1 ora per la marquise compresa la cottura e 10 minuti per la crema

Ingredienti per la marquise:

  • tuorli 105 g (circa 6 uova grandi)
  • albumi 225 g (6 uova che avrete utilizzato anche per i tuorli + 1 altro albume)
  • zucchero a velo 315 g
  • cacao amaro 90 g
  • fecola di patate 30 g
  • zucchero semolato per spolverizzare q.b.

Procedimento per la marquise:

  • preparate una placca da forno foderata con carta da forno e preriscaldate il forno a 200 °C;
  • dividete in due terrine le uova, mettendo in una i tuorli e nell’altra gli albumi;
  • montate i tuorli con 105 g di zucchero a velo e gli albumi con 210 g di zucchero a velo;
  • unite gli albumi ai tuorli alternandoli con il cacao e la fecola setacciati e aggiunti un po’ per volta, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto;

  • amalgamate, versate nella teglia del forno e livellate con una spatola;
  • infornate per 8-9 minuti;
  • appena estratto dal forno spolverizzate di zucchero semolato;

  • una volta freddo ritagliate il tondo di 22 o 24 cm aiutandovi con l’anello che utilizzerete per dare forma al vostro dolce, riponetelo sul piatto/vassoio e foderate l’interno dello stampo con un nastro di acetato.

Per la mousse al cioccolato fondente

Ingredienti:

  • cioccolato fondente al 55% 200 g
  • panna fresca liquida 400 g

per decorare cacao e scaglie di cioccolato

Procedimento:

  • sciogliete il cioccolato a bagnomaria a una temperatura che non sia inferiore ai 45°C e che non superi i 55°C;
  • in una terrina semi-montate la panna con le fruste elettriche in modo che non risulti troppo ferma, ma schiumosa;
  • versate il cioccolato nella panna e mescolate velocemente con una frusta manuale fino ad amalgamare completamente;
  • versate la mousse nello stampo sopra la marquise, livellate e riponete in frigo per almeno due ore;
  • spolverizzate la superficie di cacao e decorate la circonferenza con scaglie di cioccolato.

I consigli di Olly’Snack:

  • la percentuale di cacao contenuta nel cioccolato è indicata negli ingredienti, solitamente nel retro della confezione, come spiega il Maestro Knam, se volete usare un cioccolato con una percentuale di cioccolato maggiore potete aumentare la quantità di panna o diminuire la quantità di cioccolato, se usate un cioccolato con meno cacao potete diminuire di un po’ la panna o aumentare con le quantità di cioccolato;
  • al posto del cacao in superficie, potete decorare la torta con lamponi o altra frutta acidula es. more e mirtilli per dare acidità;
  • questa torta, non avendo farina è priva di glutine, quindi è indicata per i celiaci;
  • se preparate la marquise il giorno prima, essendo una base che rimane morbidissima per diversi giorni, risulterà un dolce che si può preparare in 10 minuti!

PANE BAULETTO con MACCHINA DEL PANE

La mia colazione quotidiana è semplice, ma così golosa da essere capace di farmi alzare dal letto appena penso che è in cucina ad attendermi: è lei, la fetta di pane bauletto con macchina del pane fatto in casa spalmata di crema alle nocciole. Sto parlando della Nocciolata Rigoni di Asiago crema al cacao e nocciole che preferisco tra tutte perché senza latte! Tornando al pane bauletto, io e Olly lo prepariamo in casa in soli 2 minuti grazie alla nostra macchina per il pane! L’ho eletto a piccolo elettrodomestico “invenzione del secolo” basta inserire gli ingredienti e avviare la macchina per il pane ed il gioco è fatto! Lei si prenderà cura di voi, risparmierete il tempo di andarlo a comprare e anche un po’ di denaro. Il marchio della farina che utilizzo, una vera garanzia per l’ottima riuscita del vostro pane bauletto è la farina per pane del Molino Spadoni, ottima sia per il classico forno che per la macchina del pane!!! Questa volta, nello specifico, vi parlerò del tipo “pane nero ai 7 cereali con semi di girasole e sesamo”. Non farete nemmeno la fatica di acquistare il lievito perché è già dentro il sacchetto. Il pacco da 1kg di farina contiene, infatti, ben due bustine di lievito, riuscirete quindi a preparare due bauletti grandi, dipende comunque dalla grandezza della teglia della vostra macchina. Di questo pane adoro la crosta croccantissima dei lati e la sua morbidezza interna, per non parlare del profumo che emana la macchina per pane mentre è in cottura. Provate per credere!

Ingredienti:

  • 500 g di farina Molino Spadoni pane nero ai 7 cereali con semi di girasole e sesamo
  • 280 g di acqua (meglio se di bottiglia)
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva

Procedimento:

  • prendete la vaschetta della macchina e inserite 280 g di acqua di bottiglia (perché il cloro dell’acqua di rubinetto potrebbe impedire la corretta lievitazione);
  • aggiungete i 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, poi 500 g di farina, effettuate una piccola buca al centro senza far passare l’acqua e inseritevi la bustina di lievito. Chiudete il coperchio e avviate la macchina.

I consigli di Olly’Snack:

Nel mio caso premo il pulsante della funzione n’ 2 che dura 3 ore e 25 minuti di funzionamento, ovviamente lievitazione e cottura compresa.

Se possibile sfornate non appena pronto.

Fate raffreddare su una gratella e conservatelo ricoperto da un tovagliolo di carta o da un canovaccio pulito.

È buonissimo come appena fatto anche 2 giorni dopo …sempre se vi durerà!

Buon appetito con il pane bauletto da Olly’Snack!

 

Plum cake con farina di riso

Questo plum cake è talmente morbido e soffice che assomiglia a quelli industriali, solo che è più buono e più salutare perché fatto con ingredienti naturali, inoltre, contenendo solo farina di riso, è perfetto per gli intolleranti e gli allergici al glutine!

Il procedimento è a prova di bambini, davvero molto semplice e veloce, allacciate il grembiule…si inizia!

OCCORRENTE: fruste elettriche + stampo L 22 cm

TEMPI DI PREPARAZIONE: 5 minuti + 35 di cottura

DIFFICOLTA’: molto facile

Ingredienti:

  • 250 g di farina di riso
  • 200 g di burro + mezza noce per la linea*
  • 150 g di zucchero
  • 4 uova
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • la scorza grattugiata di 1 limone
  • il succo di 1 arancia
  • i semi di 1 bacca di vaniglia
  • 1 pizzico di sale

zucchero a velo per spolverizzare

Procedimento:

  • spremete il succo di un’arancia e lasciate da parte;
  • in una terrina, lavorate con le fruste elettriche il burro ammorbidito (lasciatelo circa un’ora fuori dal frigo) con lo zucchero per qualche secondo fino a quando otterrete una crema spumosa;
  • aggiungete le uova*, unite la farina di riso, il lievito setacciato, il pizzico di sale, la scorza di limone, i semi di vaniglia e infine il succo d’arancia;
  • amalgamate il tutto con cura e versate nello stampo da plum cake da 22 cm;
  • cuocete a 180° C in forno preriscaldato per 35 minuti verificando la cottura con uno stecchino (dovrà uscire perfettamente asciutto);
  • sfornate e lasciate riposare per 5 minuti, sformate e spolverizzate di zucchero a velo.

I consigli di Olly’Snack:

* se non avete la vaniglia potete ometterla, assaporerete comunque gli aromi degli agrumi;

*utilizzate uova a temperatura ambiente (tiratele fuori dal frigo qualche ora prima);

*una volta inserito il composto nello stampo, sciogliete sul fuoco la mezza noce di burro e con la punta del coltello intingete nel burro e poi effettuate la linea centrale, in questo modo il plum cake dovrebbe aprirsi al centro;

*se avete uno stampo più grande, potete acquistarne uno in carta monouso al supermercato come ho fatto io, in questo caso potete far raffreddare completamente il plum cake e tagliarlo all’occorrenza;

* se vi ritrovate nel caso precedente, potete inserire lo stampo di carta all’interno di quello in metallo più lungo così gli garantirà la forma più regolare.

Cheesecake al limone

La cheesecake al limone è un dolce freschissimo, il dolce d’estate per eccellenza, per nulla nauseante, non richiede cottura ne molti utensili, nemmeno le fruste elettriche, ma solo una frusta manuale, un setaccio e uno stampo a cerniera!

DIFFICOLTA’: facile

TEMPI DI PREPARAZIONE: 50 minuti

OCCORRENTE: stampo a cerniera/apribile da 24 cm o da 26 cm (nel secondo caso verrà come la mia, un po’ più bassina)

Ingredienti

Per la base:

– biscotti digestive 180 g

– burro 100 g

Per il ripieno:

– ricotta 500 g

– formaggio fresco spalmabile 250 g

– zucchero a velo 150 g

– succo di limone 80 g

– scorza di limone 2

– panna fresca liquida 100 g

– gelatina in fogli 8 g (della Paneangeli ogni foglio pesa 2 grammi)

Per la glassa:

  • succo di limone 50 g
  • amido di mais 50 g
  • zucchero a velo 90 g
  • acqua 250 g
  • colorante alimentare giallo in gel 5 gocce

Procedimento

Per la base:

  • rivestite di carta forno il fondo dello stampo e, se lo avete, con acetato il bordo dell’anello;
  • frullate i biscotti riducendoli in briciole utilizzando un mixer se lo avete o semplicemente inserendoli in un sacchetto e schiacciandoli con un matterello;
  • inseriteli in una ciotola e unite il burro fuso, mescolate fino a ottenere un composto uniforme e disponeteli sulla base dello stampo livellando bene con un cucchiaio, poi riponete in frigo per 30 minuti.

Per la crema:

  • mettete la gelatina in ammollo in acqua fredda per 10 minuti;
  • setacciate la ricotta all’interno di una ciotola, unite il formaggio e mescolate il tutto;
  • grattugiate la scorza dei limoni e spremeteli fino a ricavarne il succo necessario che filtrerete attraverso un colino, infine mescolate;
  • unite anche lo zucchero a velo continuando a mescolare con una spatola;
  • in un tegame portate quasi a ebollizione la panna, spegnete il fuoco e scioglieteci completamente la gelatina che avrete precedentemente strizzato con le mani, lasciate intiepidire;
  • versate la panna poco per volta sul composto di formaggi mescolando per amalgamare al meglio;
  • prendete la base dal frigo e versate la crema di formaggio, livellate e riponete in frigo per almeno un paio d’ore.

Per la glassa:

  • in un pentolino versate la maizena e lo zucchero a velo, poi aggiungete il succo di limone e l’acqua mescolando rapidamente con una frusta in modo da evitare i grumi;
  • cuocete sul fuoco medio-basso per 3-4 minuti fino a che non si sarà addensata;
  • aggiungete infine il colorante giallo, mescolate e lasciate intiepidire mescolando spesso, poi versate la glassa sulla cheesecake e livellate con una spatola, ponete in frigo per almeno 4 ore;
  • prendete il dolce ed eliminate l’anello e la carta forno con l’acetato.

La cheesecake al linone si conserva in frigo per due giorni e in congelatore, anche già a fette

L’ Antica (di Ernst Knam) con le note di Olly’Snack

L’ Antica è composta da una base di frolla con farina integrale, da un velo di confettura di lamponi, da uno strato di ganache al cioccolato e da una guarnizione di lamponi freschi.

Il contrasto dato dal cioccolato e dai lamponi conferisce un sapore unico.

La sua esecuzione è semplice e non richiede molto tempo.

Non vi resta che provarla!

TEMPI: 10 minuti per la frolla + 20 per la cottura + 5 per la ganache

OCCORRENTE: 1 stampo per crostata da 24 cm circa o 2 stampi/anelli da 18/20 cm

DIFFICOLTA’: bassa

I consigli di Olly’Snack:

  • vi lascio queste dosi in quanto, in base ai vostri stampi potrete ottenere 2 crostate da 20 cm ciascuna, come ho fatto io o una crostata più grande se avete uno stampo più grande (l’ideale sarebbe usare stampi con bordi bassi per crostate);
  • la frolla è ben riuscita quando non appiccica alle dita, per ottenere questo risultato impastate solo lo stretto necessario ad amalgamare gli ingredienti;
  • stendete la frolla tra due fogli di carta forno con un po’ di farina sopra e sotto il panetto;
  • quando estraete il panetto dal frigo attendete un po’ prima di stenderlo affinché si ammorbidisca leggermente;
  • non lavate i lamponi prima di metterli sul dolce altrimenti l’acqua rimanendo all’interno ne causerebbe il deterioramento;
  • per la ganache potete utilizzare anche un cioccolato al 50%.

Ingredienti per la frolla integrale:

  • 125 g di burro ammorbidito
  • 125 g di zucchero
  • 50 g di uovo (circa 1)
  • 2 g di Sale
  • i semi di mezza bacca di vaniglia
  • 5 g di lievito in polvere
  • 120 g di farina 00
  • 120 g di farina integrale

Ingredienti per la ganache al cioccolato (le dosi sono per due crostate):

  • 220 ml di panna fresca liquida
  • 300 g di ciocco fondente al 60%

In aggiunta:

  • 160 g di confettura di lamponi (80 g a crostata)
  • per guarnire una crostata servono 250 g di lamponi freschi (due scatolette)

Procedimento per la frolla integrale:

  • impastate a mano, o nella planetaria con la foglia, il burro con lo zucchero e la vaniglia per qualche secondo;
  • non appena saranno amalgamati aggiungete l’uovo, la farina 00, la farina integrale, il lievito e il sale;
  • smettete di impastare non appena la farina sarà incorporata;
  • formate un panetto, avvolgete nel cellophane e mettete a riposare in frigo per almeno 3 ore;
  • nel frattempo preparate la ganache spezzettando il cioccolato e portando a bollore la panna in un pentolino;
  • spegnete il fuoco, versate il cioccolato nella panna e emulsionate con una frusta, dovrà risultare liscia e lucida;
  • imburrate una teglia e rivestitela con uno strato di frolla da 3 mm e mettete sul fondo la marmellata livellandola bene;
  • cuocete in forno preriscaldato per 19-20 minuti a 175° C;
  • una volta sfornata lasciate raffreddare prima di coprire con la ganache;
  • aggiungete i lamponi.

 

 

 

 

 

 

CROSTATA ALLA MARMELLATA SENZA BORDI

Avete presente quando la vostra crostata vi viene davvero buona, ma con i bordi bruciacchiati e irregolari? Vi lascio qui il trucco per evitare questo inconveniente. Continuate a leggere per scoprire come fare una crostata che sembrerà da pasticceria! 

La ricetta per la frolla speciale per crostate è del Maestro Pasticciere Iginio Massari e da quando l’ho provata non l’ho più abbandonata. Ho preparato questa crostata alla marmellata senza bordi per il compleanno del mio “quasi marito” che ha compiuto gli anni e che mangia dolci solo per le occasioni speciali; ha lasciato lui e gli invitati alla festa davvero senza parole. La consistenza risulta morbida ed estremamente saporita grazie agli aromi e ai profumi dati dalla vaniglia e dalla buccia di limone. Provare per credere!

DIFFICOLTA’: bassa

TEMPI: 10 minuti per preparare la frolla + una notte per il riposo + 20 minuti di cottura

OCCORRENTE: planetaria con la foglia se l’avete, matterello, anelli o stampi per crostata (le dimensioni variano in base a quante crostate volete ottenere, io ho usato un anello da 20 cm ottenendo due crostate)

Ingredienti per la frolla speciale per crostate:

  • 350 g di burro
  • 200 g di zucchero velo
  • 50 g di miele di acacia
  • i semi di un 1 baccello di vaniglia
  • Scorza grattugiata di un limone
  • 80 g di tuorli
  • 4 g di sale
  • 500 g di farina di grano tenero tipo 00
  • Marmellata q.b.

Procedimento:

  • setacciate la farina e mettete da parte;
  • nella planetaria mettete il burro ammorbidito, ma ancora plastico, con lo zucchero velo, il miele, la buccia del limone e i semi di vaniglia;
  • amalgamate con la foglia fino a ottenere un composto omogeneo senza montare;
  • aggiungete i tuorli in cui avrete precedentemente sciolto il sale e, quando la massa burrosa sarà uniforme, incorporate la farina;
  • spegnete la macchina non appena la farina si sarà ben amalgamata;
  • formate un panetto, ricoprite con pellicola e riponete in frigo per una notte per stabilizzarla;
  • imburrate una teglia, stendete uno strato di circa 5 mm;
  • foderate con la pasta lo stampo e bucherellate con una forchetta, mettete la marmellata e formate le tipiche strisce;

  • cuocete in forno preriscaldato ventilato per 20-25 minuti (in base alla grandezza della teglia) a 180 gradi.

I consigli di Olly’Snack:

  • il trucco sta nell’utilizzo di un anello con cui dare la forma e tagliare le strisce e di un tappetino forato in silicone per cottura, anche questo forato, che permettono una cottura uniforme e una forma perfetta grazie all’eliminazione dei bordi;
  • mi raccomando, lasciate l’anello forato in fase di cottura altrimenti potrebbe sformarsi la vostra crostata;
  • una volta sfornata lasciate raffreddare completamente prima di toglierla dallo stampo;
  • con queste dosi verranno due crostate da 20 cm con strisce sulla superficie, riducendo lo spessore potreste farne anche tre;
  • stendete la pasta tra due fogli di carta forno (sotto e sopra il panetto mettete un po’ di farina) così non si appiccicherà sul piano di lavoro;
  • la quantità di marmellata che vi servirà è pari a circa due cucchiai pieni per crostata;
  • in un forno tradizionale, cuocete una crostata alla volta;
  • non temete le dosi di frolla indicate, questa crostata alla marmellata è un dolce che avvolto da carta per alimenti si conserva benissimo per una settimana.